skip to Main Content

Imu Militari – Come funziona l’Esenzione

Mani-che-sfogliano-documenti-sopra-una-scrivania-imu-militari

Si avvicina la scadenza del primo acconto dell’Imposta sugli immobili, analizziamo un caso particolare e cioè l’esenzione Imu Militari.

Gli appartenenti alle Forze Armate hanno la possibilità di usufruire della esenzione relativa al pagamento sia della rata in acconto che della rata a saldo su uno dei loro immobili di proprietà, anche se non vi risiedono abitualmente.

Vediamo il funzionamento di questa agevolazione.

Coloro che appartengono alle forze Armate, hanno diritto di usufruire dell’esenzione Imu, su un loro immobile di proprietà e pertinenze, anche se non hanno la residenza anagrafica in quell’immobile.
Naturalmente se il soggetto usufruisce già delle agevolazioni “prima casa” tale misura è incompatibile. 

I destinatari sono gli appartenenti a:

  • Arma dei Carabinieri
  • Marina Militare
  • Guardia di finanza
  • Vigili del fuoco
  • Aeronautica Militare
  • Esercito Italiano

Tale disposizione è stata introdotta con il DL n. 102 del  31/08/2013 art. 2 comma 5, convertito in Legge 124/2013. La possibilità accedere all’esenzione però, è sottoposta a delle condizioni.

Infatti si può accedere a questa agevolazione solo se l’immobile di proprietà non sia dato in locazione ed ulteriore condizione, che non appartenga alle categorie catastali di ‘’lusso’’.

In pratica, come abbiamo visto nell’articolo Imu scadenza e pagamento, se l’immobile appartiene alle categorie catastali A1 – A8 – A9, è comunque soggetto al pagamento dell’imposta anche se il proprietario vi stabilisce la residenza e vi dimora abitualmente.

Come si accede all’Esenzione IMU Militari?

L’esenzione Imu per Militari viene acquisita dal Comune di ubicazione dell’immobile, solo a seguito di dichiarazione del proprietario.

Infatti lo stesso ufficio comunale, non provvede ad inserire l’esenzione in automatico ma a seguito di dichiarazione.

E’ importante, una volta acquisita la proprietà dell’immobile, inviare in tempi brevi la comunicazione al Comune.
In tal modo il bene verrà inserito negli elenchi comunali degli immobili esentati dal pagamento,

Per richiedere l’esenzione è necessario inviare anche tramite Pec, una “dichiarazione di esenzione” correda da Attestazione di servizio.
Meglio
contattare l’ufficio comunale preposto al fine di predisporre una dichiarazione completa di tutti gli allegati richiesti.

Unisciti a Noi!

Iscriviti alla Newsletter per non perdere gli Aggiornamenti e i nuovi Articoli del Blog.

Non inviamo spam! Letta la Privacy Policy, presto il mio consenso per l’invio a mezzo email, da parte di questo sito, di comunicazioni informative e promozionali, inclusa la newsletter, riferite a servizi propri.

Condividi questo articolo