skip to Main Content

SPID – La nuova Identità Digitale

Identita-digitale-spid

La diffusione della digitalizzazione presso le amministrazioni pubbliche ha reso necessario uno strumento di identificazione univoco lo SPID.

Ciascun soggetto che accede alle funzioni messe a disposizione dalle amministrazioni pubbliche deve essere identificato inequivocabilmente e senza possibilità di errori.
Da qui nasce lo SPID acronimo di Sistema Pubblico di Identità Digitale.

Cosa si può fare con lo SPID?

Ogni cittadino attraverso questo strumento ha la possibilità di accedere a tutte le posizioni fiscali, contributive, sanitarie al fine sia di verificare la posizione sia modificarne eventualmente i dati.
Non solo, anche le Imprese in sede di Inizio Attività sono obbligate a comunicarlo alla Camera di Commercio.

Tutto questo direttamente con ciascun ente senza inutili code agli sportelli, inviando semplicemente un messaggio di testo che verrà acquisito dal sistema.

Accedendo al sito dell’INPS con le credenziali SPID, è possibile richiedere l’erogazione di misure volte al sostegno.

Reddito di Cittadinanza, Assegni Familiari, NASPI ed il rilascio dell’ISEE sono possibili comodamente da PC.

Anche l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei servizi tramite identificazione di accesso.
E’ disponibile online non solo la ‘’banca dati’’ del soggetto in fatto di imposte e tasse pagate,  ma è più agevole la compilazione e l’invio del 730 e la dichiarazione dei redditi che rimarranno nel Cassetto Fiscale del soggetto per successive verifiche.

Lo SPID rende molto agevole la fruizione di servizi da parte del cittadino anche se il suo utilizzo è limitato dalla semplicità della richiesta che si intende inviare.

Come farlo online?

Molti gestori di identità digitale hanno messo a disposizione delle procedure per richiederlo online tramite riconoscimento attraverso una videochiamata, o con riconoscimento diretto presso il gestore. E’ possibile anche il riconoscimento tramite la nuova carta di identità Elettronica – CIE oppure attraverso la Carta Nazionale dei Servizi.

Comunque si decida di procedere occorrono:

  • documento di identità;
  • codice fiscale;
  • numero di cellulare;
  • indirizzo mail.

Sul sito del governo è possibile visionare e scegliere i gestori abilitati al fine di scegliere procedure, costi, e modalità di riconoscimento.

Unisciti a Noi!

Iscriviti alla Newsletter per non perdere gli Aggiornamenti e i nuovi Articoli del Blog.

Non inviamo spam! Letta la Privacy Policy, presto il mio consenso per l’invio a mezzo email, da parte di questo sito, di comunicazioni informative e promozionali, inclusa la newsletter, riferite a servizi propri.

Condividi questo articolo