skip to Main Content

SOCI DI SRL ISCRIZIONE INPS – La Cassazione Chiarisce

Cucchiaio-con-dentro-monete-sopra-una-calcolatrice-srl-iscrizione-inps

Argomento di questo articolo sarà la gestione ai fini previdenziali per Srl iscrizione Inps del socio possessore di quote capitale.

I soggetti possessori di quote di società di capitali nel momento stesso in cui acquistano le quote o partecipano alla costituzione di una Srl, devono verificare alcuni fattori relativi alla iscrizione alla gestione previdenziale commercianti.
Le disposizioni precedenti non avevano evidenziato distinzioni tra soci che prestano attività lavorativa e soci meramente di capitale. Tutti i soci indistintamente erano tenuti ad attivare la contribuzione commercianti.

Per chiarire le posizioni è intervenuta una sentenza di cassazione che di seguito esamineremo.

Socio non lavoratore di Srl iscrizione INPS?

L’iscrizione alla gestione commercianti non sempre è obbligatoria, infatti per i soli soci prestatori di capitale non è prevista.
A seguito della sentenza di cassazione n. 23790/2019 è stata emanata la circolare INPS 10.6.2021, n. 84  in cui è chiarita la posizione per i soci che percepiscono esclusivamente redditi derivante dal loro capitale investito.

Per tali soggetti viene meno il requisito previdenziale; i soci proprietari della sola quota capitale che non prestano attività lavorativa all’interno della società, non devono iscriversi alla gestione commercianti INPS.
Facilmente intuibile il fatto che in questo caso viene meno il requisito necessario della previdenza finalizzata alla tutela del lavoratore in quanto tale.

Socio lavoratore obbligo INPS

Come è facile intuire le disposizioni per i soci che svolgono attività all’interno della società sono più onerose.
Infatti i soci lavoratori pur essendo proprietari di quote capitale, hanno l’obbligo di iscrizione previdenziale e quindi di pagare i contributi previsti.

Per i soci lavoratori di srl iscrizione INPS gestione commercianti, deve essere avviata nel momento stesso in cui la società costituita inizia l’attività. È solo ora infatti, che si evidenzia da parte del socio lavoratore la necessità della previdenza per la tutela della propria attività lavorativa.
ello stesso momento in cui si spedisce la Comunicazione Unica per avviare l’attività al Registro Imprese, si predispone anche il quadro relativo alla iscrizione dei soci lavoratori.

L’INPS acquisita la pratica, provvede ad attribuire un numero di matricola azienda.
Questo dato dovrà essere inserito nella delega F24 cui faranno riferimento i pagamenti contributivi.

Attenzione: i contributi da pagare per la gestione commercianti anno 2023, sono dovuti con un fisso minimo per un reddito fino ad € 17.504,00.
Oltre tale importo i contributi si calcolano in percentuale sulla soglia che eccede il minimo reddituale.
Il sito ufficiale INPS ha messo a disposizione le aliquote relative alla percentuale contributiva, per la Gestione Commercianti 2023 nel caso in esame la percentuale per l’anno 2023 è del 24.48%.

E bene rammentare che tale iscrizione deve essere fatta entro 30 giorni dalla data in cui inizia l’obbligo oltre i quali l’Ente predispone sanzioni ed interessi per i giorni di ritardo invio della segnalazione di iscrizione.

Unisciti a Noi!

Iscriviti alla Newsletter per non perdere gli Aggiornamenti e i nuovi Articoli del Blog.

Non inviamo spam! Letta la Privacy Policy, presto il mio consenso per l’invio a mezzo email, da parte di questo sito, di comunicazioni informative e promozionali, inclusa la newsletter, riferite a servizi propri.

Condividi questo articolo