skip to Main Content

IMU 2022 doppia esenzione – Coniugi con diversa residenza

Citta-sullo-sfondo-con-testo-bianco-grigio-e-azzurro-imu-2022-doppia-esenzione

Imu 2022 doppia esenzione per coniugi con diverse residenze: finalmente la questione relativa al possesso di due immobili da parte dei coniugi che hanno residenze diverse, è stata  esaminata dalla Corte Di Cassazione.
Infatti con la sentenza n. 209 del 13 ottobre 2022, la Suprema Corte è tornata sul tema IMU. La sentenza ha stabilito che le precedenti disposizioni in cui si stabiliva che per ogni nucleo familiare si potesse considerare solo un immobile come abitazione principale del nucleo sono illegittime.

IMU 2022 doppia esenzione la normativa

Il DL n. 146/202 stabiliva che il nucleo familiare potesse usufruire solo di una esenzione IMU indipendentemente dalla residenza dei due coniugi. L’art. 5_decies del precedente decreto stabiliva che l’immobile adibito ad abitazione principale fosse “scelto  dai componenti del nucleo familiare»”
Il Decreto chiariva così il dubbio riguardo l’abitazione principale di due coniugi in possesso entrambi di casa di proprietà lasciando a loro la scelta dell’immobile. Questi, in sede di dichiarazione IMU stabilivano l’immobile oggetto di esenzione.

La normativa precedente però,  non analizzava il dettaglio della situazione lavorativa o familiare del nucleo che, magari in presenza di particolari esigenze, aveva necessità di stabilire dimore con indirizzi diversi per il due coniugi.
Infatti al punto 9 la Corte precisa che: ‘’ In un contesto come quello attuale, infatti, caratterizzato dall’aumento della mobilità nel mercato del lavoro, dallo sviluppo dei sistemi di trasporto e tecnologici, dall’evoluzione dei costumi, è sempre meno rara l’ipotesi che persone unite in matrimonio o unione civile concordino di vivere in luoghi diversi, ricongiungendosi periodicamente, ad esempio nel fine settimana, rimanendo nell’ambito di una comunione materiale e spirituale.’’

Esaminando la nuova situazione del mercato lavorativo che spesso costringe due persone appartenenti allo stesso nucleo familiare, ad abitare in due residenze differenti, si apre uno scenario sicuramente più adatto alle esigenze attuali.
Con la sentenza di ottobre la Cassazione permette di considerare abitazione principale gli immobili in cui sono presenti le residenze dei coniugi ed in cui questi ultimi dimorano abitualmente.

IMU 2022 doppia esenzione –  Dimora abituale

È importante sottolineare che per la normativa in questione non è sufficiente avere la residenza anagrafica nell’immobile. Infatti è fondamentale risiedere abitualmente nell’immobile indicato in quanto la normativa prevede controlli relativamente a questo requisito.

È facile determinare se il proprietario risiede o meno nell’abitazione esaminando appunto, le utenze. Infatti dei consumi adeguati dimostrano la permanenza del proprietario nell’immobile indicato.
Attenzione anche a richiedere i rimborsi infatti sicuramente dovranno essere corredati da documentazione adeguata relativa ai consumi di acqua luce e gas.

Nel nostro Blog troverai altri articoli che trattano l’IMU sugli immobili.

Unisciti a Noi!

Iscriviti alla Newsletter per non perdere gli Aggiornamenti e i nuovi Articoli del Blog.

Non inviamo spam! Letta la Privacy Policy, presto il mio consenso per l’invio a mezzo email, da parte di questo sito, di comunicazioni informative e promozionali, inclusa la newsletter, riferite a servizi propri.

Condividi questo articolo