skip to Main Content

Gestione Separata 2024 Professionisti Senza Cassa

Professionista-in-giacca-e-cravatta-al-telefono-gestione-separata-2024

La Gestione Separata 2024 INPS è una sezione riservata all’iscrizione dei professionisti; a coloro cioè che svolgono attività professionale per i quali non è istituita la previdenza di categoria.

Mentre i titolari di partita IVA che svolgono attività di impresa, pagano i contributi ai fini pensionistici iscrivendosi alla sezione artigiani E commercianti dell’INPS, tutti coloro che non hanno una previdenza ben definita sono obbligati ad iscriversi alla Gestione Separata Inps.

Anche i parasubordinati sono tenuti al pagamento della contribuzione INPS come i professionisti; Rientrano in questa categoria coloro che hanno un rapporto di collaborazione continuativa senza il vincolo che contraddistingue il lavoro dipendente come specificato dall’art.2 comma 26 L. 335 /95.

In questo articolo tratteremo la contribuzione ai fini pensionistici dei professionisti senza cassa.

Gestione Separata 2024 e professionisti senza cassa

Prima di trattare in maniera approfondita la modalità di pagamento, occorre individuare innanzitutto la categoria delle attività IVA individuate come professionali:
Coloro che svolgono le attività che richiedono una formazione e sono individuate nelle sezioni M – P – Q – R  dei codici Ateco sono professionisti.

Tali soggetti in genere, svolgono la loro attività senza necessità di avere la struttura di una impresa: Fisioterapisti, Tributaristi, Assistenti sociali, insegnanti, creatori di software.

Tutte le figure individuate nelle attività Ateco indicate e che non posseggono una contribuzione di categoria, hanno l’obbligo di iscriversi e pagare gli importi per la loro previdenza.
L’iscrizione alla sezione INPS GS permette di equiparare le categorie di lavoratori autonomi agli imprenditori che usufruiscono della gestione previdenziale INPS ART-COM.

La GS è stata istituita con la legge n. 335/1995 in vigore dal 1996 proprio per sopperire a questa lacuna: di fatto precedentemente all’entrata in vigore della legge ai professionisti senza cassa, era preclusa la possibilità di assicurarsi.
La Gestione Separata INPS fornisce le stesse prestazioni previdenziali della gestione ART-COM quali assegno di invalidità, pensione di inabilità temporanea, pensione di vecchiaia e di reversibilità.

Come fare l’iscrizione alla Gestione Separata INPS

La procedura per iscriversi è prettamente elettronica: il titolare di partita IVA che svolge attività professionale può accedere al sito INPS in autonomia oppure avvalersi di un professionista.

La procedura richiede, oltre ai dati anagrafici del soggetto, anche partita IVA codice Ateco dell’attività indirizzo Pec e numero di telefono del titolare.

È bene precisare che l’iscrizione ha validità dalla data inserita nella domanda per cui è possibile anche indicare una data anteriore rispetto all’inserimento della domanda.

Quanto si paga di Gestione Separata

A differenza della gestione artigiani commercianti che prevede un importo minimo annuale da corrispondere, gli importi da pagare per la Gestione Separata si calcolano in percentuale.

Infatti non esiste una contribuzione minima dovuta; L’importo dovuto è calcolato esclusivamente in percentuale sul reddito risultante dalla dichiarazione.

Per il 2024 le percentuali stabilite sono:

-33% del reddito conseguito;

-24% del reddito per coloro che sono iscritti ad altre forme previdenziali:

Infatti se il professionista è anche dipendente o svolge altre attività in forma imprenditoriale e quindi paga INPS art-com, l’Istituto riconosce un abbattimento della percentuale di calcolo.

Le date per il pagamento saranno le stesse del pagamento delle imposte; In sede di predisposizione della dichiarazione dei redditi annuale verranno calcolati gli importi e pagati:

  • acconto entro il 30 giugno;
  • saldo entro il 30 novembre;

Questo risulta ad oggi salvo rettifiche nel corso dell’anno

Il pagamento degli importi pagati sempre tramite delega F24, avviene inserendo i dati del titolare, il codice tributo “PXX” e l’anno di imposta cui si riferiscono.

Unisciti a Noi!

Iscriviti alla Newsletter per non perdere gli Aggiornamenti e i nuovi Articoli del Blog.

Non inviamo spam! Letta la Privacy Policy, presto il mio consenso per l’invio a mezzo email, da parte di questo sito, di comunicazioni informative e promozionali, inclusa la newsletter, riferite a servizi propri.

Condividi questo articolo